Nuova modalitą di presentazione della domanda di assegno di integrazione

Lettera del Presidente Francesco Giambattista Nardone

Ai Signori Notai d'Italia
LORO SEDI

Care Colleghe, cari Colleghi,

come è noto recentemente il sito Istituzionale di questa Cassa è stato rinnovato in maniera radicale sia nell’area informativa che in quella interattiva con l’inserimento di una “piattaforma/area riservata”, alla quale tutti gli iscritti alla Cassa possono accedere con il proprio “SPID” e così, in piena sicurezza,, inoltrare istanze e ricevere risposte direttamente al proprio indirizzo mail o alla propria PEC e, inoltre, calcolare, l’ammontare della “propria” indennità di cessazione e della “propria” pensione di anzianità o di vecchiaia.

I servizi inizialmente usufruibili dagli iscritti alla Cassa sono stati incrementati in quanto alle prestazioni previdenziali già richiedibili con tale modalità (pensione diretta, indennità di maternità) si è aggiunta anche la possibilità di chiedere l’assegno di integrazione e quindi di presentare on-line la relativa domanda.

Una volta che l’iscritto abbia avuto accesso, con le proprie credenziali, alla “Area Riservata” del sito Cassa il sistema informatico produrrà, in automatico, il pdf della domanda di prestazione attraverso l’acquisizione guidata dei dati e dei documenti, e dopo che la domanda sia stata completata la trasmetterà, a mezzo PEC, al competente Consiglio Notarile Distrettuale.

Per quest’anno, tuttavia, sarà possibile ancora presentare la domanda in modalità cartacea utilizzando i moduli scaricabili dalla sezione “Modulistica” presente nella pagina web dedicata., mentre a partire dal prossimo anno la modalità “elettronica on-line” sarà l’unica con la quale sarà possibile presentare la domanda per richiedere l’assegno di integrazione.

Raccomando a quei Colleghi che, essendo in possesso dello SPID e non avendo già inviato la domanda per richiedere l’assegno di integrazione in modalità cartacea, decidano di utilizzare la modalità “elettronica on-line”, di inviare la domanda con anticipo rispetto alla scadenza del termine “perentorio” fissato alla data del 31 maggio p.v. in modo da consentire la correzione, prima della scadenza, degli eventuali errori incorsi nella compilazione della domanda.

L’Ufficio Previdenza ed Assistenza della Cassa che si è fortemente impegnato nell’attività di rinnovamento del sito per renderlo maggiormente fruibile dagli iscritti, rimane a disposizione di Voi tutti per dare le necessarie informazioni e fornire adeguato supporto (le richieste possono essere indirizzate all’indirizzo mail previdenza.assistenza@cassanotariato.it).

Con molti cordiali saluti,

Francesco Giambattista Nardone